ANDRIANI ADERISCE, INSIEME AL NETWORK UNISG, AL PATTO CON IL MARE. - ANDRIANI SPA

ANDRIANI ADERISCE, INSIEME AL NETWORK UNISG, AL PATTO CON IL MARE.

ANDRIANI È WELFARE CHAMPION 2022 
Dicembre 6, 2022

CON IL MARE. PER LA TERRA.
Un Patto con il Mare per rigenerare la vita sulla Terra. Per garantire cibo buono, sano e naturale per tutti.
Per combattere la crisi climatica e il riscaldamento del Pianeta. Per conoscere meglio la nostra risorsa più importante, l’unico capitale naturale in grado di garantire benessere e sostenibilità alla nostra vita presente e futura.
Un Patto contro l’inquinamento delle acque, la cultura dello scarto e dello spreco, perché il Mare non può più essere la discarica della Terra. Un Patto per proteggere la sua biodiversità, perché noi siamo parte di un unico sistema.
Perché la vita viene dal mare e noi dipendiamo dal Mare in molti modi. Insieme scriviamo un Patto per un’economia realmente a misura d’uomo, fatta di rispetto, ricerca, energie rinnovabili, tutela, risparmio, recupero, rigenerazione e circolarità delle sue risorse.
Un Patto tra università, centri di ricerca e imprese per la ricerca, l’innovazione, la formazione. Perché il mare offre cibo, acqua, energia rinnovabile e materie prime Perché il mare prima di tutto dobbiamo imparare a conoscerlo, rispettarlo e proteggerlo. Perché il mare è una risorsa che attraverso la rigenerazione, resilienza e restauro definisce il suo significato etimologico più profondo. Perché il mare è il nostro unico futuro possibile. Perché di fronte al mare tutte le domande possono trovare una risposta.

UN PATTO PER CONOSCERE IL NOSTRO CAPITALE NATURALE PIÙ IMPORTANTE
Perché noi non conosciamo il mare. Forma il 90% della biosfera e del nostro spazio vitale e copre il 71% della superficie terrestre. Assorbe il 50% delle emissioni di gas serra e di anidride carbonica e sequestra gran parte del calore emesso dall’atmosfera. Ma solo il 5% del fondo oceanico è stato esplorato e solo il 7% degli oceani viene custodito grazie alle riserve e alle aree marine protette. Nessuno se ne occupa in modo sistematico, in pochi lo studiano e non esiste una reale consapevolezza diffusa dell’importanza della sua tutela come patrimonio comune e indivisibile dell’umanità.

UN PATTO PER PROTEGGERE LA BIODIVERSITÀ DEL MARE

Perché noi siamo una conseguenza del mare. La conoscenza, la protezione e la conservazione della vita e della biodiversità marina sono gli obiettivi principali da perseguire per salvaguardare il benessere umano. Bisogna agire subito ed essere consapevoli che gli organismi che vivono nei mari e negli oceani svolgono un ruolo chiave per l’equilibrio della biosfera e nella mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici e possono rallentare gli effetti del surriscaldamento del Pianeta.

UN PATTO PER UN’ECONOMIA SOSTENIBILE DEL MARE “A MISURA D’UOMO”
Perché il mare è una fonte enorme di ricchezza. Il valore di mercato stimato delle risorse e delle industrie marine e costiere corrisponde a circa il 5% del PIL globale, con più di 3 miliardi di persone che per il loro sostentamento dipendono dalla biodiversità marina e costiera. Il Patto vuole proporsi come punto di riferimento per la promozione di una cultura economica del mare realmente “a misura d’uomo”.

UN PATTO PER IL CIBO DELLA TERRA
Perché il mare è la risposta alla domanda globale di cibo. Un miliardo e 200 milioni di persone nel mondo vivono utilizzando esclusivamente le risorse marine. Secondo la Fao, nel 2030 il consumo pro capite di pesce salirà a 21,5 kg. Per assicurare il maggior rendimento possibile, sostenibile e diversificato della pesca e la conservazione della biodiversità marina è necessaria una programmazione e una regolazione delle attività di pesca naturali. Dobbiamo passare dalla pesca all’acquacoltura sostenibile, integrata e basata su specie il cui allevamento non causi danni all’ambiente. Un’acquacoltura giusta, buona e sana, che tenga conto dei tempi biologici di ripristino delle riserve marine naturali.

UN PATTO PER L’ECONOMIA CIRCOLARE DEL MARE
Perché la rigenerazione del mare è l’unico futuro possibile. Il mare è un grande macrorganismo, un serbatoio di vita, un produttore naturale di ambiente. Ma le risorse del mare non sono infinite. Per questo vanno preservate. Noi consumiamo più di quello che il mare è in grado di offrire. Dobbiamo elaborare una strategia sistemica e circolare che lo preservi e gli consenta di rigenerarsi nel tempo e all’infinito, per trasformare la “spazzatura marina”, a partire dalla plastica, in nuovi materiali e nuove opportunità di lavoro.

UN PATTO PERCHÉ IL MARE NON PUÒ ESSERE LA DISCARICA DEI NOSTRI RIFIUTI
Perché tutti i problemi del mare vengono dalla terra. Gli effetti dell’inquinamento e l’impatto dei rifiuti scaricati in mare hanno ripercussioni negative sullo stato di salute di tutto l’ecosistema naturale. Il Patto vuole promuovere la conoscenza di tutte quelle buone pratiche che consentono di ridurre l’impatto ambientale delle attività dell’uomo. Sappiamo cosa fare e come farlo. E questa è una buona notizia. La cattiva notizia è che non lo stiamo ancora facendo.

UN PATTO PER UN’EQUITA’ ENERGETICA E RINNOVABILE
Il mare può fornire energia in modo equo, rinnovabile e illimitato con il vento, il sole e le correnti. Energia pulita e facilmente accessibile, eco-compatibile con la biodiversità marina e giusta per tutte le comunità e le imprese che ne hanno bisogno.

UN PATTO PER LA VITA DEL MARE PERCHÉ SIAMO TUTTI PARTE DI UN “UNICO SISTEMA”
Perché il mare per la terra è anche la terra per il mare. Verranno chiamate a sottoscrivere il patto le istituzioni, il mondo produttivo, gli enti di ricerca, tutti noi che di fronte al mare chiediamo risposte concrete per nostro futuro. Per le imprese significa mitigare gli impatti delle loro produzioni attraverso azioni concrete e come la riduzione dell’uso della plastica, il risparmio e il riutilizzo responsabile dell’acqua, una percentuale crescente di energie rinnovabili, la diminuzione degli scarti di lavorazione attraverso il riutilizzo delle risorse attraverso l’economia circolare, l’interesse verso progetti di studi e ricerche legate all’innovazione sostenibile del mare. Il Patto descrive un nuovo obbiettivo di sostenibilità del Pianeta.

UN PATTO PER DARE ACQUA ALL’AGRICOLTURA DI DOMANI
Il mare contiene il 98% dell’acqua può facilmente essere desalinizzato fornendo acqua potabile o irrigabile per sostenere l’agricoltura e la natura aiutandole a mitigare l’impatto dei cambiamenti climatici e della crisi idrica.

UN PATTO PER FINANZIARE LA RICERCA
Perché dobbiamo imparare a conoscere il mare. Il Patto si propone di essere il punto di riferimento per la conoscenza delle problematiche relative all’ecosistema marino e per proporre azioni concrete volte al miglioramento dello stato di salute degli oceani, a partire dalla promozione di un approccio efficiente al monitoraggio e la gestione ambientale delle acque costiere e portuali.

UN PATTO PER LA NUOVA ECOLOGIA DEL MARE
Perché il patto intende elaborare strategie condivise per raggiungere gli obiettivi esplicitati dagli 11 descrittori con cui la Commissione Europea definisce i criteri e le norme metodologiche relativi alla valutazione del buono stato ecologico delle acque e i traguardi ambientali per la strategia marina in equilibrio con lo sviluppo sostenibile del pianeta.

UN PATTO CON LE IMPRESE PER UNA NUOVA ECONOMIA DEL MARE
Perché il mare è un produttore naturale di ambiente. Grazie al mare le aziende possono rafforzare i fattori competitivi del fare ed essere impresa “per bene”, raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, migliorare il ranking finanziario dei loro fattori ESG, attuare processi virtuosi di economia circolare per diminuire lo spreco di risorse e favorire l’utilizzo delle materie prime seconde. Unisg si offre come partner strategico ideale per la formazione, progetti di consulenza e valorizzazione, networking tra filiere produttive, progetti di ricerca e sviluppo. Il Patto genera una nuova Economia delle Relazioni del mare.